6 Dicembre 2023

Murcia, la Festa della Virgen del Castillo

La “Festa della Virgen del Castillo” di Yecla, nella provincia di Murcia, in Spagna, è tutta da scoprire e un evento molto particolare: non ha il fumo delle candele o il profumo dei fiori che di solito accompagnano tutte le Vergini, i suoi tratti distintivi sono invece l’odore della polvere da sparo e il rumore degli archibugi (antiche armi da fuoco, sparate accendendo una miccia con polvere da sparo).
Tuttavia, come in tutte le feste religiose, mantiene il fervore dei suoi seguaci, le adorazioni e i canti alla Vergine e le processioni della patrona che salgono e scendono dal suo santuario alla chiesa dell’Assunzione in città, accompagnate non solo dagli abitanti di Yecla, ma da gente che arriva da tutta la regione e persino da altre province. 


Quando candele e fiori vengono scambiati per polvere da sparo

Durante i giorni della festa, soprattutto tra il 6 e l’8 dicembre, l’atmosfera della città si riempie dell’odore, che inizia a trasformarsi in aroma, della polvere da sparo e del rombo degli archibugi simili a quelli usati nel XVI secolo.
Non ci sono costumi religiosi, ma i tipici bicorni e le giacche nere indossate dalle forze municipali o dalle milizie che rimasero attive nelle terre di Castiglia dal XVI secolo fino alla seconda metà del XVIII secolo, così come l’atmosfera di una festa religiosa e pagana allo stesso tempo, dove le preghiere si mescolano alla musica popolare, alle danze e, naturalmente, al buon cibo e al buon vino.
L’origine storica di questa celebrazione risale al regno di Filippo IV, quando il 17 luglio 1642 un gruppo di 61 yeclanos guidati dal capitano Martín Soriano Zaplana andò a difendere la Catalogna dalle truppe francesi che avevano invaso il Nord della Spagna, in quella che storicamente viene denominata La Guerra di Catalogna e in difesa dell’integrità del territorio nazionale (che ironia se si pensa ai giorni nostri!).
Il posto di guarnigione per i volontari fu stabilito nelle terre di Vinarós a Castellón, in particolare nella cappella di San Sebastián. L’andamento favorevole del conflitto fece sì che i membri di questa campagna tornassero tutti vivi a Yecla, non ci fu alcuna perdita, un fatto che essi interpretarono come miracoloso.


La gratitudine alla Vergine

La compagnia di Martín Soriano, al ritorno a Yecla, riconoscente alla Divina Provvidenza e alla Vergine, salì tutta insieme fino al luogo in cui si venerava la Madonna dell’Incarnazione in un antico quadro, noto come la Vergine del Castello, per ringraziarla del ritorno degli uomini sani e salvi.
Anni dopo, la Cofradía de la Purísima si sarebbe occupata di acquistare una scultura dell’Immacolata Concezione per sostituire il quadro dell’Incarnazione, da venerare nel santuario. L’immagine arrivò a Yecla nel 1695 e fu intronizzata nella chiesa come patrona e protettrice della città.
Non contenti di questo atto di ringraziamento, gli abitanti di Yecla accettarono di far scendere l’immagine della Vergine nella chiesa dell’Assunzione ogni anno per alcuni giorni. Le discese della Vergine erano accompagnate da una raffica di archibugi, a ricordo di quanto era accaduto durante la guerra. Quell’atto fu un evento importante per la città, che da allora vide l’immagine della Madonna del Castello come un simbolo di protezione.
Le attuali Feste della Virgen del Castillo de Yecla, dichiarate di interesse turistico nazionale e che puntano a diventare di interesse internazionale, non hanno la loro origine e il loro successivo sviluppo in una vittoria o in una sconfitta, e quindi nella supremazia di un vincitore o nell’umiliazione di uno sconfitto. Vogliono solo commemorare un evento in cui non ci fu alcuno spargimento di sangue.
Da allora, il recinto dove si venera la Vergine ha subìto numerose ricostruzioni e modifiche nel corso della storia, con l’edificio attuale che risale al XIX secolo.
Anche la scultura che si venera oggi non è più quella originale, scomparsa durante la guerra civile spagnola; si tratta di una replica realizzata da Miguel Torregrosa nel 1941 molto simile all’originale, che fu incoronata canonicamente nel 1954. Gli eventi principali che vengono oggi commemorati sono la discesa e l’ascesa della Vergine al suo Santuario in una processione popolare e si svolgono sempre all’inizio di dicembre, con il culmine l’8, giorno in cui si celebra l’Immacolata Concezione.

Un programma intenso

Il giorno della Bajada, il 7 dicembre, inizia con l’Alborada nell’atrio della Basílica de la Purísima, seguita dal tradizionale pranzo a base di gachasmigas.
Segue la Bajada, quando gli archibugieri “tiraores” salgono al Santuario del Castillo sparando con i loro archibugi e poi accompagnano la Santa Patrona nel suo viaggio verso la città.
Durante il tragitto, l’intendente suona la bandiera davanti alla Vergine all’uscita dal Santuario, nel cosiddetto “Paso de la Bandera” e nell’atrio della Basilica, mentre gli archibugi sparano continuamente. Il resto del programma prosegue con diversi eventi culturali, l’offerta di fiori, la discesa della Vergine e la sua permanenza per nove giorni per ricevere il culto e gli onori come patrona di Yecla; un rituale festivo con oltre tre secoli e mezzo di storia, che si ripete ogni anno e culmina con la sua successiva risalita al Santuario.
L‘8 dicembre, il grande giorno dei festeggiamenti, inizia con una funzione solenne nella Basílica de la Purísima, seguita dalla nomina dei clavarios (che saranno i sorveglianti del prossimo anno) e nel pomeriggio si tiene la solenne processione con l’immagine della Patrona, in cui il sorvegliante ripete lo stesso rituale del gioco della bandiera all’uscita e soprattutto all’ingresso della Vergine nella Basílica, tra il fragore assordante prodotto dallo sparo degli archibugi.
Infine, dopo la novena, che si svolge sempre la terza domenica di dicembre, la Vergine viene portata nel suo santuario con lo stesso ordine, protocollo e cerimoniale osservato nella Bajada. Al mattino, dopo la funzione religiosa, si svolge la processione della Minerva e la benedizione del Santissimo Sacramento a tutti gli archibugieri e alla popolazione di Yecla.


Una ricca offerta gastronomica

Come in ogni festa che si rispetti, la gastronomia è un must. Yecla ha un’offerta varia e ricca che mescola la cucina murciana, manchega e valenciana.
Ne sono un buon esempio il gazpacho di Yecla, le polpette ripiene, le torte fritte, il formaggio fritto con pomodoro o le torte di patate che deliziano i commensali.
Ma forse il piatto più caratteristico, soprattutto nell’Alborada, offerto la mattina presto del 7 dicembre e prima della Bajada de la Virgen, è la gachasmigas, a base di farina, olio, aglio, sale e acqua, un piatto di grande importanza nelle feste, soprattutto in questa.
Le Gachasmigas Populares sono uno degli eventi più popolari della città.
Organizzata dall’Asociación de Mayordomos e con la collaborazione delle Agrupaciones de Escuadras, del Comune di Yecla e degli esercizi commerciali che partecipano alla sua preparazione; dalla prima edizione nel 2014 è diventata ormai una parte essenziale dell’agenda ufficiale che precede la celebrazione delle feste patronali. Si preparano più di 200 teglie di gachasmigas e si mobilitano più di 300 volontari per l’evento, che nell’ultima edizione è riuscito a portare più di 8.000 persone nelle strade della Calle San José della città, dando vita a una magnifica giornata di convivenza cittadina all’aperto.

I Gazpachos yeclanos sono uno stufato sostanzioso, preparato con una torta di pane azzimo e una salsa di coniglio e lumache.
Questa torta viene immersa nello stufato e ne assorbe tutti i sapori e viene accompagnata da acciughe o miele.
Questa delizia gastronomica è tipica di Yecla e si assapora il 7 dicembre, giorno della discesa del Santo Patrono. Le polpette ripiene sono preparate con carne di maiale tritata, pane imbevuto di brodo di stufato, pinoli, uova, buccia di limone grattugiata e varie spezie, come chiodi di garofano, pepe e noce moscata. Questo piatto è il re delle Fiestas de la Virgen e si consuma tradizionalmente il giorno della Vergine, l’8 dicembre. Tutta questa ricca offerta culinaria viene naturalmente accompagnata dai vini prodotti dalle cantine appartenenti al Consiglio Regolatore della Denominazione di Origine Protetta Yecla.
Uno dei dolci più consumati durante le feste sono i libricos. Si tratta di sottili cialde ripiene di squisito miele o cioccolato, realizzate a mano secondo una ricetta familiare secolare, decorate con incisioni che riproducono i luoghi e i monumenti più emblematici della città di Yecla. Altri dolci tipici di Yecla che si assaggiano durante le Fiestas Patronales sono i mantecados e i panini al vino. Ideali per accompagnare il caffè dopo i pasti e durante questi giorni di festa, è molto comune mangiarli con la mistella.

0 commenti