A Firenze torna il Sake Day’s

A Firenze torna il Sake Day’s

Torna a Firenze il “Sake Days”, oramai giunto alla sua terza edizione, l’evento che porta in Italia tutta la storia e la cultura del bere giapponese.

Degustare il bere giapponese

Il viaggio tra cantine e distillerie della Terra del Sol Levante Organizzato dalla Scuola Italiana Sake, un’esperienza aperta ad appassionati e professionisti.
Oltre agli stand dei migliori importatori, dove potrete assaggiare ed acquistare le più importanti selezioni di Sake, Shochu, Awamori, Whisky e tutte le bevande giapponesi, la giornata sarà ricca di tasting, masterclass e talk con relatori del calibro di come Daniele Cancellara (Bar Manager di Rasputin, Firenze, e autore e conduttore di Whisky for Breakfast), Gaetano Cataldo (premiato Sommelier dell’anno 2022 al Merano Wine Festival), Giovanni Baldini (Sake Scouting e fondatore Scuola Italiana Sake), Luca Rendina (importatore di distillati con Bere Giapponese) e molti altri.


Nasce la scuola italiana Sake

La Scuola Italiana Sake si pone l’obbiettivo di far conoscere in Italia tutta la cultura legata ai fermentati e ai distillati nipponici, con corsi ed eventi aperti a tutti, appassionati, addetti al settore ma anche semplicemente curiosi.
Questa edizione del Sake Days sarà la prima dopo la fondazione della scuola, e all’evento ci saranno ospiti produttori di Awamori direttamente da Okinawa, e distributori di prodotti mai importati in Europa.
Tra gli eventi speciali di questa seconda edizione immancabili saranno la prima degustazione di Vino Giapponese e di Umeshu mai realizzate in Italia!


Cos’è il Sake?

Il sake è una bevanda alcolica prodotta principalmente da riso, acqua, lievito e koji (un fungo che aiuta nella fermentazione).
Viene spesso chiamato “vino di riso”, ma la sua produzione e il suo sapore sono molto diversi da quelli del vino poichè il sake ha una gamma di sapori che possono essere da dolci e morbidi a secchi e complessi.
La sua produzione è un processo complesso che coinvolge diverse fasi. Il riso viene prima pulito, ammorbidito e poi fermentato con il lievito per produrre alcol e aromi; questo processo di fermentazione è diverso da quello del vino, perché avviene contemporaneamente alla conversione degli amidi del riso in zuccheri.
La fermentazione avviene in vasche di acciaio o botti di legno, e il prodotto finale viene filtrato e talvolta diluito con acqua prima dell’imbottigliamento.
Il sake è un’icona della cultura giapponese. Le regioni centrali del Giappone, come Niigata, Hiroshima, e Kyoto, sono famose per la produzione di sake di alta qualità ma ogni regione può produrre sake con caratteristiche di sapore uniche a causa delle differenze nella varietà di riso utilizzata, nelle fonti d’acqua e nei metodi di produzione; un terroir e non solo che determina il gusto.
Profondamente radicato nella tradizione nipponica è spesso associato a celebrazioni religiose e culturali e viene consumato in una varietà di occasioni, dall’accompagnamento a pasti tradizionali giapponesi a cerimonie speciali come matrimoni e rituali religiosi.
Bevanda versatile che può essere gustata in modi diversi, a temperatura ambiente, freddo o riscaldato, a seconda della preferenza personale e del tipo di sake.
Parte integrante della cultura orientale il sake continua a guadagnare popolarità in tutto il mondo grazie alla sua varietà di sapori e al suo legame con la tradizionee il Sake Days di Firenze ne è un esempio.

Sushi. Foto drawsandcooks
I

Con cosa abbinare il sake a tavola? Alcuni consigli

Il sake è una bevanda molto versatile anche quando si tratta di abbinamenti culinari. Può essere esaltato con una vasta gamma di piatti giapponesi e internazionali.
Di seguito ci permettiamo di darvi alcune idee su quali cibi possono essere abbinati al meglio.
Ovviamente non possiamo che iniziare dalla cucina giapponese. Abbinamento perfetto per sushi e sashimi grazie alla leggera acidità e freschezza che completano bene il pesce crudo
e i sapori delicati del sushi. Perfetto compagno a tavola anche per la tempura dato che la sua croccantezza e la pastella leggero si sposa benissimo con il sake che bilancia anche l’olio della frittura e migliora il sapore dei gamberetti o delle verdure immerse nell’impasto.
Ottimo da bersi anche con l’yakitori un piatto giapponese meno noto in occidente. Trattasi di
spiedini di carne alla griglia (solitamente pollo) perfetti con il sake poiché il suo sapore leggermente affumicato e il dolce della salsa teriyaki si armonizzano bene con il gusto complessivo del sake.
Perfetto anche con piatti a base di frutti di mare, come zuppe di vongole o piatti di pesce alla griglia. Il sapore pulito e fresco del sake può esaltare i sapori dei frutti di mare.
Tutto da provare e sicuramente sorprendente l’abbinamento con formaggi cremosi, come il formaggio di capra o il formaggio brie. L’acidità della bevanda può contrastare il grasso del formaggio. Ottimo compagno anche per piatti piccanti come quelli della cucina thailandese o messicana dato che la sua freschezza può lenire il calore dei cibi piccanti. Perfetto ovviamente con tutta la gamma di dolci nipponici fra cui il mochi (pasta di riso glutinoso) o i dorayaki (pancake ripieni).

 

 

I 50 luoghi instagrammati più popolari in Italia nel 2023

I 50 luoghi instagrammati più popolari in Italia nel 2023

L’Italia è piena di luoghi meravigliosi che raccontano storie e leggende interessanti sul loro passato. Dai siti archeologici che ricordano la grande storia antica degli Etruschi, dei Greci e dei Romani passando per i tesori naturali, le gallerie d’arte e i musei più famosi del mondo, e molto altro ancora.
Ogni angolo d’Italia è degno di una foto quando le parole non bastano ad esprimere quanto sia affascinante questo Paese e oggi grazie ai social le foto di ogni luogo girano velocemente per il mondo e così non sorprende che la nostra sia una delle nazioni più popolari per le vacanze e uno dei luoghi più instagrammati del mondo. 

Venezia

Come nasce questa classifica

La classifica che segue, eseguita da un noto tour operator, non nasce prendendo in riferimento le località ma i siti specifici.
Per definire le località più popolari, sono state utilizzate le recensioni di Google considerando però solo le attrazioni con più di 5.000 recensioni per avere una visione più realistica delle destinazioni più popolari. Ne è nato un elenco di 219 località a cui poi è stato aggiunto il numero di menzioni di Instagram sia in lingua italiana che inglese. Alla fine sono stati ordinati i luoghi per ottenere la lista finale dei 50 luoghi più instagrammati e quindi più popolari nella rete d’Italia.
Accanto al nome di ogni località troverete oltre al numero delle menzioni anche la posizione della classifica 2022.

Duomo di Milano

La classifica dei primi 20

1 – Colosseo, Roma – Menzioni: 4.309.108 – Posizione classifica 2022 : uguale
2 – Parco Nazionale delle Cinque Terre – Menzioni: 2.779.151 – Posizione classifica 2022 : uguale
3 – Fontana di Trevi, Roma – Menzioni: 1.751.583 – Posizione classifica 2022 : uguale
4 – Duomo di Milano – Menzioni: 1.633.383 – Posizione classifica 2022 : uguale
5 – Piazza San Marco, Venezia – Menzioni: 1.395.199 – Posizione classifica 2022 : 9 posto (+4)
6 – Burano – Menzioni: 1.309.599 – Posizione classifica 2022 : 5 posto (-1)
7 – Pantheon, Roma – Menzioni: 1.205.462 – Posizione classifica 2022 : 6 posto (-1)
8 – Ponte Vecchio, Firenze – Menzioni: 1.051.949 – Posizione classifica 2022 : 7 posto (-1)
9 – Torre di Pisa – Menzioni: 906.983 – Posizione classifica 2022 : 8 posto (-1)
10 – Lago di Braies – Menzioni: 674.389 – Posizione classifica 2022 : uguale
11 – Duomo di Firenze – Menzioni: 596.571 – Posizione classifica 2022 : uguale
12 – Galleria degli Uffizi, Firenze – Menzioni: 568.861 – Posizione classifica 2022 : 13 posto (+1)
13 – Piazza Navona, Roma – Menzioni: 551.264 – Posizione classifica 2022 : 12 posto (-1)
14 – Arena di Verona – Menzioni: 520.159 – Posizione classifica 2022 : uguale
15 – Gardaland – Menzioni: 509.425 – Posizione classifica 2022 : uguale
16 – Galleria Vittorio Emanuele II, Milano – Menzioni: 452.015 – Posizione classifica 2022 : uguale
17 – Foro romano, Roma– Menzioni: 452.015 – Posizione classifica 2022 : uguale
18 – Villa Borghese, Roma– Menzioni: 391.684 – Posizione classifica 2022 : uguale
19 – Castel Sant’Angelo, Roma– Menzioni: 379.265 – Posizione classifica 2022 : uguale
20 – Castello Sforzesco, Milano– Menzioni: 361.321 – Posizione classifica 2022 : uguale

Burano

La classifica dal 21mo la 50mo posto

21 – Piazza del Popolo, Roma – Menzioni: 334.760 – Posizione classifica 2022 : uguale
22 – Palazzo Ducale, Venezia – Menzioni: 300.833 – Posizione classifica 2022 : nuovo nella lista
23 – Reggia di Caserta – Menzioni: 295.912 – Posizione classifica 2022 : 22 posto (-1)
24 – Scalinata di Trinità dei Monti, Roma – Menzioni: 294.623 – Posizione classifica 2022 : uguale
25 – Mole Antonelliana, Torino – Menzioni: 288.449 – Posizione classifica 2022 :23 posto (-2)
26 – Valle dei Templi, Agrigento – Menzioni: 287.439 – Posizione classifica 2022 : 25 posto (-1)
27 – Piazzale Michelangelo, Firenze – Menzioni: 246.706 – Posizione classifica 2022 : 28 posto (+1)
28 – Piazza del Campo, Siena – Menzioni: 238.795 – Posizione classifica 2022 : 26 posto (-2)
29 – Palazzo Vecchio, Firenze – Menzioni: 230.674 – Posizione classifica 2022 : 27 posto (-2)
30 – Ponte di Rialto, Venezia – Menzioni: 224.818 – Posizione classifica 2022 : 29 posto (-1)
31 – Parco Nazionale del Pollino – Menzioni: 216.834 – Posizione classifica 2022 : uguale
32 – Parco Nazionale dello Stelvio – Menzioni: 205.039 – Posizione classifica 2022 : 37 posto (+5)
33 – Villa d’Este, Tivoli – Menzioni: 204.094 – Posizione classifica 2022 : 30 posto (-3)
34 – Castel dell’Ovo, Napoli – Menzioni: 199.182 – Posizione classifica 2022 : 32 posto (-2)

Parco Nazionale Gran Paradiso

35 – Ponte dei Sospiri, Venezia – Menzioni: 193.942 – Posizione classifica 2022 : 33 posto (-2)
36 – Basilica di Santa Croce, Firenze – Menzioni: 185.777 – Posizione classifica 2022 : 34 posto (-2)
37 – Teatro alla Scala, Milano– Menzioni: 182.591 – Posizione classifica 2022 : 36 posto (-1)
38 – Parco Sempione, Milano– Menzioni: 177.960 – Posizione classifica 2022 : 35 posto (-3)
39 – Mirabilandia, Savio– Menzioni: 173.937 – Posizione classifica 2022 : uguale
40 – Acquario di Genova– Menzioni: 169.612 – Posizione classifica 2022 :38 posto (-2)
41 – Parco Nazionale Gran Paradiso – Menzioni: 168.643 – Posizione classifica 2022 : uguale
42 – Campo de’ Fiori, Roma – Menzioni: 167.125 – Posizione classifica 2022 : 40 posto (-2)
43 – Vulcano Vesuvio – Menzioni: 159.250 – Posizione classifica 2022 : nuovo nella lista
44 – Spiaggia la Pelosa, Sardegna – Menzioni: 156.070 – Posizione classifica 2022 : 45 posto (+1)
45 – Parco Giardino Sigurtà, Valleggio sul Mincio – Menzioni: 155.441 – Posizione classifica 2022 : nuovo nella lista
46 – Castello Aragonese, Ischia – Menzioni: 155.056 – Posizione classifica 2022 : 42 posto (-4)
47 – Circo Massimo, Roma– Menzioni: 153.413 – Posizione classifica 2022 : 44 posto (-3)
48 – Teatro Massimo, Palermo– Menzioni: 152.798 – Posizione classifica 2022 :43 posto (-5)
49 – Palazzo Pitti, Firenze– Menzioni: 147.276 – Posizione classifica 2022 : 46 posto (-3)
50 – Piazza della Signoria, Firenze– Menzioni: 144.243 – Posizione classifica 2022 : 47 posto (-3)

Il parvo Sigurtà di Valleggio del Mincio, new entry in classifica

Roma pigliatutto

Alcune osservazioni sulla classifica per dire che i primi 20 luoghi sono esattamente gli stessi dell’anno scorso, anche se con alcuni scambi in classifica.
Dalla 21ema alla 50ma posizione ci sono alcune modifiche e per la precisione tre 3 nuove località, il che significa anche che ci sono tre che erano fra le preferite dell’anno scorso che quest’anno sono fuori dall’elenco.
Vale la pensa però menzionarli. Esce l’altare della patria di Roma, la Pinacoteca Brera di Milano e il Misano World Circuit Marco Simoncelli che sono sostituiti da Palazzo Ducale di Venezia che entra in classifica al 22mo posto, il Vesuvio che entra al 43mo posto e infine il Parco Giardino Sigurtà, Valleggio sul Mincio che entra al 45mo posto.
Roma pigliatutto in popolarità piazzando ben 11 attrazioni nella classifica delle prime 50 con addirittura 3 località nelle prime dieci.  Al secondo posto fra le città popolari è Firenze con 8 siti, segue Milano con 6 e Venezia con 5.
In ambito regionale ancora dominio per il Lazio col 24%, seguito dalla Toscana con 20%, Veneto 16%, Lombardia 10%, Campania 8%, Liguria, Piemonte, Sicilia, Trentino Alto Adige 4%, Sardegna, Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Calabria e Basilicata 2%.

Castelli e palazzi le attrazioni preferite

Per quello che riguarda le attrazioni domina la storia e la tradizione dato che castelli e palazzi sono preferiti al 16% e le piazze al 14%.
Seguono a ruota le bellezze naturalistiche con i parchi che raggiungono l’8% insieme all’arte sacra delle chiese sempre all’8%.
Arene, parchi, monumenti, ponti e parchi si fermano al 6% mentre teatri dell’opera musei e parchi tematici sono al 4%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Firenze: la rinascita della Forca

Firenze: la rinascita della Forca

Metti un locale storico di un quartiere popoloso di Firenze, aggiungici alcuni anni di declino, metti poi una nuova gestione giovane e brillante ed ecco che, al di là del buio del periodo covid la rinascita c’è. Eccome se c’è!

Lorenzo, uno dei due gestori, allievo di “The Maestro”


Lorenzo e Paola: al timone due assi che fanno la differenza

Paola e il figlio Lorenzo sono due gestori che fanno la differenza. Moglie e figlio d’arte (la famiglia da anni nella figura del padre è al timone di uno dei ristoranti del centro più famosi) che hanno voluto cercarsi il loro spazio altrove.
Incredibile, seppur la giovane età la carriera che ha alle spalle Lorenzo, allievo a Chelsea nienteopodimenochè di “The Maestro” Salvatore Calabrese simbolo di quell’Italia laboriosa che conquista il mondo con il talento.
Per chi non frequentasse il mondo della miscelazione magari è un nome che dice poco ma siamo davanti a un un personaggio dalla fama planetaria davanti al cui bancone si sono sedute teste coronate e potenti del mondo. Celebre, lui la racconta spesso di quando Robert De Niro le chiese: “mi spieghi perché tutti i miei amici mi parlano di te?” la risposta di Salvatore fu nel cocktail che gli mise davanti, e da quel giorno sono buoni amici.
Nella sua esperienza londinese Lorenzo ha acquisito tanto e anche se forse del suo Maestro può invidiare l’aver creato il cocktail più caro del mondo di certo non può invidiare quel senso di ospitalità e accoglienza che ha acquisto per sangue e per formazione.

La nuova vita 

Il Ristorante La Forca rappresenta oggi uno degli esempi, per fortuna sempre più numerosi, di buona ristorazione fuori dai grandi flussi del centro storico.
Siamo a Firenze in realtà a pochi chilometri dal centro storico. Siamo in piazza Alberti, zona Campo di Marte in un quartiere dov’è anche possibile ancora parcheggiare e non siamo lontani nemmeno dallo stadio Franchi di Firenze e dal centro tecnico di Coverciano.
Oggi La Forca vuole raccontare una sua filosofia che va oltre la fisicità degli spazi e delle strutture. Vuole (riuscendoci) offrire un’esperienza, un’emozione, un comodo piacere per il palato.
Vuole offrire in poche parole gusto: parola semplice e breve; ma non sempre semplice e breve é riuscirci poiché negli ultimi anni la ristorazione ha scelto strade alternative alla ricerca del voler stupire per forza.

Per tutti i gusti

Il menù de La Forca varia periodicamente così di offrire sempre cibi di stagione ed assaporarne appieno il loro gusto secondo i tempi che la natura detta, andando a ripescare di continuo tra i piatti della tradizione.
Difficile senza sapienza mettere in tavola la tradizione vera e qui ci riescono!
Sfogliando il menù si parte con grandi classici come crostini, taglieri e coccoli davvero sontuosi. Le pizze, ce ne sono per tutti i gusti e in tutte le variante sono ottime e digeribili; i primi piatti mixano benissimo tradizione e innovazione e poi fra la tanta “ciccia” tutta buonissima domina lei: regina bistecca tutta da provare!

A Firenze Ditta Artigianale fa cinquina

A Firenze Ditta Artigianale fa cinquina

E’ cinquina a Firenze per Ditta Artigianale che dalle ceneri di quello che è stato uno dei locali di aggregazione degli anni Novanta e primi Duemila esce dal centro storico e cerca di reinventarsi nei rioni.
Oddio, piazza Ferrucci proprio periferia non è perché siamo ai piedi delle vie che conducono al piazzale e questi marciapiedi sono pur sempre calpestati da molti turisti ma la zona è popolare e popolana perché lungo le ultime mura che da San Niccolò conducono ai viali per fortuna c’è ancora tanta residenza e non solo i b&b di una città turistica.

Non solo caffè al caffè

Una sfida nuova per il brand fondato nel 2013 da Francesco Sanapo e Patrick Hoffer che con il quinto locale fiorentino cerca di entrare nel cuore dei fiorentini e per farlo sceglie di essere non solo un caffè moderno dove poter sostare dalla colazione all’aperitivo ma un luogo di quartiere dove si può anche comprare il quotidiano e il pane appena sfornato.
Il locale si ripropone con ambizione anche di riportare in auge il concetto di caffè letterario, e per farlo ha in ponte l’organizzazione di appuntamenti con la cultura che coinvolgeranno personalità della città, del mondo istituzionale, delle arti, della cultura e dello sport.

Cinque locali in dieci anni, il segreto del successo

Dieci anni fa in via dei Neri aprì a Firenze il primo locale di Ditta Artigianale con l’ambizione di cambiare nei fiorentini la cultura del caffè. Fu un successo.
Poi vennero le aperture in via dello Sprone, via Carducci, lungarno Soderini e addirittura lo sbarco oltreoceano in Canada.
Ne ha fatta di strada uno dei maggiori “nasi” del caffè mondiale. Francesco Sanapo ha creduto nella sua idea, in se stesso e oggi il successo lo ripaga. Partì con un solo dipendente e oggi la sua azienda da lavoro a 105 persone. Solo per la caffetteria di piazza Ferruzzi sono 18 le nuove persone assunte, anche se, e ci tiene a sottolinearlo “è difficilissimo trovare personale.!”

 

Debutta a Firenze la settimana del whisky

Debutta a Firenze la settimana del whisky

La Whisky Week debutta a Firenze: dopo le edizioni sul lago di Como e a Treviso, l’evento dedicato ai whisky del mondo sbarca nella città del David con una serie di assaggi, masterclass e degustazioni imperdibili per appassionati e curiosi. L’appuntamento organizzato da Whisky Club Italia – la più grande community nazionale a tema, con oltre 21 mila iscritti – è in programma sabato 18 e domenica 19 febbraio 2023 al Tuscany Hall (lungarno Aldo Moro), che per due giorni farà da cornice a diversi momenti di approfondimento per gli amanti dei distillati.

Al quarto appuntamento delle “spirit week” itineranti organizzate dal team di Whisky Club Italia, saranno presenti oltre 500 tra i migliori assaggi di whisky provenienti da Scozia, Irlanda, Stati Uniti, Giappone e Italia. Gli appassionati potranno concedersi un sorso dei loro dram preferiti in contesti fuori dal comune, a partire dalla festa – alla luce della concomitanza con l’ultimo giorno di Carnevale – vestiti in maschera per l’evento di chiusura della Whisky Week Firenze, sabato sera, accompagnati da musica e cocktail.

Se gli spazi del Tuscany Hall (sabato dalle 14 alle 22, domenica dalle 12 alle 18) saranno il cuore pulsante
della Whisky Week fiorentina, l’evento coinvolgerà il territorio con una serie di incontri e serate a tema nei principali cocktail bar e ristoranti della città: questi ultimi saranno chiamati, ad esempio, a introdurre nei rispettivi menù un piatto in pairing con un whisky nei giorni precedenti l’inizio della manifestazione. Ecco il calendario di eventi durante la Whisky Week di Carnevale:
– lunedì 13 febbraio
ore 19:30 Indovina chi viene a bere…. cacio e whisky senza pere Rinaldi 1957 al Love Craft Firenze
– mercoledì 15 febbraio
ore 19:30 Indovina chi viene a bere dal Giappone? Stock Spirits Italia al Love Craft Firenze
ore 21:30 Kilchoman Comraich guest night Beija Flor srl al Rasputin
– giovedì 16 febbraio
ore 19:30 Indovina chi viene a bere…e chi porta da mangiare? Pallini SpA al Love Craft Firenze
ore 21:30 he new wave of irish whiskey…from Dublin! Rinaldi 1957 al Rasputin
– venerdì 17 febbraio
ore 20:45 Degustazione birra e whisky Pellegrini Spa al Birrificio I Due Mastri
ore 21:00 Dream collection anch chocolate passion Dream Whisky al Caffè Rivoire
ore 21:30 Il single malt in miscelazione Fine Spirits al Rasputin
ore 22:00 Smokead: horroe show Rossi & Rossi al Love Craft Firenze
Informazioni: www.whiskyweek.it

Whisky Club Italia
Con oltre 21 mila iscritti Whisky Club Italia è il più grande whisky club italiano, con cuore nella Brianza Lecchese e
distaccamenti che coprono buona parte del territorio nazionale. Grazie all’esperienza dei tanti eventi organizzati dal
Sud al Nord Italia i fondatori Claudio Riva, Davide Terziotti hanno fatto squadra per diffondere la cultura del distillato e
del bere consapevole, con centinaia di degustazioni guidate, in presenza o online.