Giro nel mondo nel bicchiere. Torna a Firenze Enomundus

Giro nel mondo nel bicchiere. Torna a Firenze Enomundus

Dopo la prima edizione assoluta che si è svolta a giugno a Villa Castelletti di Lastra a Signa fa il suo debutto fiorentino nel prestigioso salone Michelangelo dell’hotel Albani di Firenze “Enomundus” prima fiera mercato italiana interamente dedicata ai produttori e vini esteri.

Saranno due giornate esclusive e decisamente interessanti quelle che si terranno a Firenze il 13 e 14 novembre.

L’ ideatrice dell’evento è la sommelier Olfa Haniche oggi anche export manager di cantine vinicole italiane e consulente per importatori/distributori nazionali di vini esteri.

L’idea di Enomundus gli è nata a suo dire “seguito della grande richiesta di vini esteri in Italia degli ultimi anni con lo scopo di divulgare, fare conoscere e degustare vini di produttori provenienti da oltre 10 paesi stranieri.

In occasione dell’evento sarà possibile degustare e acquistare vini provenienti da Francia e Corsica, Spagna, Romania, Grecia, Turchia, Austria, Paesi Bassi.
Novità di questa seconda edizione il focus sui vini di Grecia grazie al Patrocinio del
Consolato Greco con la presenza della Console Peggy Petrakakos.

L’evento si snoderà su due giorni. Domenica 13 novembre sarà una giornata rivolta al pubblico degli appassionati che potranno girare fra i banchi d’assaggio, parlare con i produttori ed acquistare i vini mentre lunedì 14 novembre sarà una giornata più tecnica con una sezione B2B
importatori/distributori e categoria Horeca e appuntamenti degustativi solo su appuntamento www.vinaviewinetasting.com

Dopo la prima edizione che ha avuto come scenario mozzafiato Villa Castelletti attendiamo il debutto fiorentino per dare, dopo la seconda edizione, un giudizio sulla manifestazione.

Personalmente non vedo in giro questa grande voglia di conoscenza di vini esteri ma anzi trovo che il pubblico dei winelovers forse troppo condizionato dai nuovi guru influencer deila rete.non sappia andare oltre ai brand.

La parola presa in prestito dal mondo della moda non è assolutamente casuale e sottolinea la leggerezza con cui i miracolati dei social si ergono ad esperti di un settore che richiede anni di studio, approfondimenti continui, visite in cantina (e non solo per scattare selfie) e degustazioni continue e costanti.

Esiste un mondo da degustare che va oltre i grandi nomi e oltre i confini stretti di una regione come la Toscana che seppur feconda di ottimi vini non rappresenta l’unico scenario possibile. E’ qui che a mio avviso sono fermi molti appassionati.

Nel vino serve essere curiosi sempre e saper andare oltre agli stereotipi. Ecco perché personalmente mi avvicinerò con curiosità alla scoperta dell’enomundus anche se il mappamondo in degustazione non è vastissimo e un po’ limitato ai “confinanti”.

La speranza è di incontrare nel bellissimo salone dell’Albani davvero tante persone, anche più dei 500 appassionati previsti dall’organizzazione.