Toscana: le aperture speciali del Fai

[:it]

Giornate-FAI-primavera-2017-i-siti-da-non-perderedi Nadia Fondelli – Sabato 25 e domenica 26 edizione numero 25 delle Giornate Fai. 48 i “tesori” di Firenze e della Toscana che verranno nell’ occasione aperti al pubblico. In città si segnalano il cimitero degli Inglesi e il cimitero degli Allori.

A Firenze città in occasione delle Giornate Fai di primavera si potranno visitare anche due cimiteri monumentali: il cimitero degli Inglesi, dove è sepolto tra gli altri Pietro Viesseux, e il cimitero degli Allori dove riposano anche lo scrittore Harold Acton e la giornalista Oriana Fallaci.
Cimitero_Evangelico_Agli_Allori_-_interior_IIIFra le chicce da scoprire in città anche, eccezionalmente, palazzo Valori Altoviti sede della loggia massonica del Grande Oriente d’Italia un palazzo cinquecentesco famoso col nome di ‘Palazzo dei visacci’ per i ritratti di illustri fiorentini scolpiti sulla facciata.
Da non perdere neache la Torre di Careggi, l’ex convento delle Oblate e l’ex manifattura Tabacchi.

Allargandosi alla regione ben 48 i luoghi da scoprire o riscoprire aperti  eccezionalmente con orario dalle 10 alle 16,30.
Tra i ‘tesori’ da non perdere in provincia di Arezzo il chiostro dell’antico ospedale dell’ex convento di san Francesco a Foiano della Chiana; la villa del presidente a Livorno; l’idroscalo di Orbetello; palazzo Orsetti e la chiesa di Santa Caterina a Lucca; la splendida villa Puccini a Viareggio; il camposanto monumentale di Pisa; il conservatorio di San Niccolò a Prato; la chiesa di Santa Maria delle Grazie a Pistoia; il cimitero monumentale della Misericordia e la farmacia dell’ex ospedale psichiatrico San Niccolò a Pisa e l’abbazia di San Galgano a Chiusdino.

Un week end speciale, da non perdere!

Informazioni: www.fondoambiente.it/Chi-siamo/Index.aspx?q=delegazione-toscana[:en]

DIG1415-S-GalganoGiornate-FAI-primavera-2017-i-siti-da-non-perderedi Nadia Fondelli – Sabato 25 e domenica 26 edizione numero 25 delle Giornate Fai. 48 i “tesori” di Firenze e della Toscana che verranno nell’ occasione aperti al pubblico. In città si segnalano il cimitero degli Inglesi e il cimitero degli Allori.

A Firenze città in occasione delle Giornate Fai di primavera si potranno visitare anche due cimiteri monumentali: il cimitero degli Inglesi, dove è sepolto tra gli altri Pietro Viesseux, e il cimitero degli Allori dove riposano anche lo scrittore Harold Acton e la giornalista Oriana Fallaci.
Cimitero_Evangelico_Agli_Allori_-_interior_IIIFra le chicce da scoprire in città anche, eccezionalmente, palazzo Valori Altoviti sede della loggia massonica del Grande Oriente d’Italia un palazzo cinquecentesco famoso col nome di ‘Palazzo dei visacci’ per i ritratti di illustri fiorentini scolpiti sulla facciata.
Da non perdere neache la Torre di Careggi, l’ex convento delle Oblate e l’ex manifattura Tabacchi.

Allargandosi alla regione ben 48 i luoghi da scoprire o riscoprire aperti  eccezionalmente con orario dalle 10 alle 16,30.
Tra i ‘tesori’ da non perdere in provincia di Arezzo il chiostro dell’antico ospedale dell’ex convento di san Francesco a Foiano della Chiana; la villa del presidente a Livorno; l’idroscalo di Orbetello; palazzo Orsetti e la chiesa di Santa Caterina a Lucca; la splendida villa Puccini a Viareggio; il camposanto monumentale di Pisa; il conservatorio di San Niccolò a Prato; la chiesa di Santa Maria delle Grazie a Pistoia; il cimitero monumentale della Misericordia e la farmacia dell’ex ospedale psichiatrico San Niccolò a Pisa e l’abbazia di San Galgano a Chiusdino.

Un week end speciale, da non perdere!

Informazioni: www.fondoambiente.it/Chi-siamo/Index.aspx?q=delegazione-toscana[:]

Lamporecchio: riparte dall’arte greca la nuova stagione di Villa Rospignosi

Lamporecchio: riparte dall’arte greca la nuova stagione di Villa Rospignosi

[:it]img_2di redazione – Da anni seguiamo con attenzione la rinascita e il recupero di pezzi di storia e in quest’ottica si inserisce perfettamente la nuova vita di Villa Rosignosi di Lamporecchio che oggi non solo è una villa da visitare, ma anche la sede di un ristorante stellato e il cuore di un progetto artistico espositivo di grande respiro.

È con l’artista greca Paulina Cassimatis che la rinata Villa Rospigliosi a Lamporecchio riprende il percorso culturale dedicato all’arte contemporanea.
La villa recuperata dopo decenni di abbandono che si trova in una delle più dolci e affascinanti zone della Toscana (meno battute dal turismo massificato) fu la dimora progettata da Gian Lorenzo Bernini per papa Clemente IX, al secolo Giulio Rospigliosi, ed è stata oggi messa anche a disposizione della comunità grazie ad un restauro privato.

E’ visitabile al pubblico dal martedì alla domenica e si possono ammirare, oltre alle pitture e allo splendido giardino all’italiana anche le opere di artisti contemporanei che in una visione virtuosa di coinvolgere l’antico col moderno la proprietà porta avanti con un progetto concreto di valorizzazione.

L’esposizione che si inaugura domani 22 ottobre 2016 fanno allargare alla fu dimora storica di Papa Clemente IX i propri orizzonti al di là dei confini nazionali.

img_3Paulina Cassimatis è un’artista nata ad Atene, dove insegna arte scultorea al White Touch Studio da lei fondato e diretto e il suo percorso di studi, prima alla Brighton College of Technology e poi alla Middlesex University di Londra (dove nel 1996 ha ottenuto la Bachelor of Arts), le ha permesso di comprendere al meglio la strada intrapresa fin dalla più tenera età.
La tecnica che la contraddistingue  è classica e si basa su due elementi fondamentali: la tradizione del ritratto e la bellezza statuaria dell’arte greca.§

Il suo obiettivo è l’indagine dell’umano che viene rappresentato realisticamente anche con un uso del colore che miscela i differenti modelli in un ritratto unico e universale, senza distinzione di stile, classe, sesso o popolarità.  Le sue figure, che si tendono con slancio verso l’alto oppure raccolte e morbide, preservano la mano dell’artista presente e ancora vibrante nell’atto della creazione.
Un racconto, quello della Cassimatis, che attraversa le emozioni per spingersi fino alla spiritualità intrinseca che si trova in ogni essere, una chiave di lettura che ben si evidenzia nelle ultime opere.

I 22 lavori che entreranno a far parte dell’esposizione a Villa Rospigliosi abbracciano il lavoro di dieci anni, dal 2005 al 2016.

Alla presentazione di sabato 22 ottobre alle ore 18.00 saranno presenti l’artista, il sindaco del Comune di Lamporecchio Alessio Torrigiani, l’Assessore alla cultura Monica Cetraro e Paola d’Ugo Respondabile Villa Rospigliosi. Il maestro Luca Torrigiani accompagnerà l’inaugurazione al piano.
A seguire cocktail offerto dal ristorante guidato dallo stellato chef Igles Atman Restaurant.

Info:
Villa Rospignosi, Frazione Spicchio, Lamporecchio (Pistoia)
Tel. 348 2389296
www.villarospignosi.com

 [:]

Pistoia: teatro e solidarietà grazie a Oipa

Pistoia: teatro e solidarietà grazie a Oipa

Oipadi Nadia Fondelli –  Giovedì 30 ottobre, al teatro di Bottegone il teatr…Oipa presenta: Kvetch (piagnsitei) una commedia grottesca in due atti da non perdere, per tanti motivi…

Da un opera di Steve Berkoff la compagnia teatr…Oipa vi invita a teatro per passare un paio d’ore in allegria con una bella commedia grottesca, ma anche per aiutare le attività di Oipa Pistoia.
Questo gruppo di volontari che aiutano gli animali operano senza nessun tipo di finanziamento e i sostentamenti e mezzi necessari per continuare la loro preziosa opera derivano solo dai proventi delle donazioni e delle attività che riescono a mettere in piedi con le loro forze attraverso raccolte alimentari, lotterie e banchini a mercati.
Dallo scorso anno l’idea di attrarre un pubblico più vasto e omogeneo mettendo su una piccola compagnia teatrale amatoriale di buon livello per mettere in scena spettacoli piacevoli che servono con il ricavato a sostenere le attività.
L’ingresso anche allo spettacolo che debutterà il 30 ottobre è gratuito, ma su ogni poltrona troverete una busta anonima dove al termine della rappresentazione, se lo spettacolo sarà stato di vostro gradimento potrete lasciare un’offerta libera che sarà utilizzata per aiutare i pelosetti seguiti e far fronte alle molte emergenze, anche in vista dell’imminente inverno.
quindi se amate il teatro e gli animali non fatevi perdere quest’occasione.

30 ottobre, ore 21.15
Kvetch (piagnistei)
Regia di : Cecilia Lattari

Personaggi:
Frank: Francesco Lorenzi
Hal: Marco Coppini
Donna: Barbara Palmieri e Isabella Giacomelli
Suocera: Roberta Mazzei
La bambina: Eva Bendinelli
Giorgia: Roberta Mazzei

Teatro di Bottegone
Via Fiorentina, Bottegone (Pistoia)

Pistoia: chi non ama e non salva gli animali non pu

di redazione – Siamo animalisti convinti e solitamente non facciamo questo tipo di appelli da una testata giornalistica culturale e turistica, ma abbiamo deciso di rompere questo muro nella certezza che la salvaguardia della natura e quindi degli animali sia una forma primaria di cultura per ogni popolo.

Evitare il randagismo non vuol dire solo (e scusate il solo!) salvare cucciolate intere da un destino infausto a cui gli hanno condannati gli uomini civili, ma vuol dire salvaguardare un fondamentale diritto: quello di vivere e di tenere equilibrio nella natura.

Tante le associazioni, tutte di volontariato, a cui va il nostro pensiero, ma abbiamo deciso di rispondere e dare voce all’appello che ci ha rivolto la sezione Oipa di Pistoia a cui siamo legati da un affetto felino perché l’amorosa cucciola ronfante che divide l’appartamento con me deve la vita a loro.

L’appello lo lancio ora. Prima e durante le ferie forse in tanti, troppi vi hanno lanciato appelli contro l’abbandono ed eravate sordi. Ora spero i vostri orecchi siano più inclini all’ascolto.

La sezione Oipa di Pistoia è al collasso. Continue sono le richieste di aiuto da parte di chi trova cucciolate e gattini abbandonati, bisognosi di cure, spesso anche costose e in cerca di un posto sicuro.
La sezione Oipa di Pistoia è allo stremo delle forze, non hanno più uno “stallo” libero, non hanno più pappe, non hanno più soldi per sostenere le cure di questi angeli.
Anzi, hanno accumulato diversi e consistenti debiti con i veterinari di fiducia che fortunatamente hanno un gran cuore e tanta pazienza.

Il risultato è che non si trovano più nelle condizione di poter salvare neanche uno e questo vuol dire cuccioli che cresceranno randagi, cuccioli che forse non arriveranno al prossimo mese perché magari in strada… perché non sarà più possibile curarli.

Il lavoro della sezione Oipa di Pistoia è incessante durante tutto l’anno anche se sono solo una decina di volontari in tutto e sono riusciti sempre a far fronte a tutto, ma adesso senza l’aiuto delle persone che hanno a cuore la nostra stessa causa non potranno più proseguire.
Servono pappe, servono farmaci, servono donazioni.
Gli darete una mano?

Informazioni: www.oipapistoia.com – pistoia@oipa.org – 339 814 1431 by redaction – We are convinced animalist does levitra make it bigger and usually do not do this kind of appeals from a journal of culture and tourism , but we decided to break this wall in the certainty that the conservation of nature and therefore of the animals is a primary form of culture to every people.

Avoid stray dogs is not just about ( and sorry the only one! ) Save a whole litters unfortunate fate to which they condemned civilized men , but it means protecting a fundamental right: the right to live and to keep balance in nature.

Many associations , all volunteers, who deserve our thinking, but we decided to answer and give voice to the call that has turned Oipa section of Pistoia in which we are bound by a love because the loving puppy cat that divides the apartment with me owes his life to them.

The appeal will launch it now . Before and during the holiday season maybe too many you have launched appeals against abandonment and you were deaf. Now I hope your ears are more inclined to listen.

The section Oipa of Pistoia is collapsing . Continue are requests for help from those who find abandoned puppies and kittens in need of care , often expensive and looking for a safe place .
The section Oipa of Pistoia is weary and tired , have no longer a “stalemate ” free , have no more baby food, do not have more money to support the care of these angels . Indeed, several have accumulated large debts and veterinarians of confidence that fortunately have a big heart and lots of patience .

The result is that they are no longer in a position to save even one and this means that they will grow stray puppies , puppies that may not come until next month because maybe in the street … because you can not cure them.

The work of the section Oipa of Pistoia is constant throughout the year even if they are only a dozen or so volunteers in everything and always have been able to cope with everything, but now without the help of people who care about our own cause can no longer continue .
It takes baby food, drugs serve , serve donation.
Will give you a hand?

Information
www.oipapistoia.com – pistoia@oipa.org – 339 814 1431

Pistoia:

di redazione – Da fine giugno è aperto il primo Parco vivaistico d’Europa, Pistoia Nursery Park, a metà tra un giardino botanico e una collezione di piante esemplari, che coniuga arte, creatività, design e luce in un progetto assolutamente avveniristico.

Un luogo del genere non poteva che nascere nel pistoiese, territorio italiano da sempre vocato a questa produzione, grazie alla famiglia Vannucci, la cui tradizione nel settore vivaistico risale al 1938 e che si è sempre contraddistinta per la particolare sensibilità verso l’importanza e il rispetto delle piante come strumento fondamentale per l’ecosistema e la vita dell’uomo.

L’inaugurazione è stata una vera e propria festa in cui non è mancata l’inaugurazione anche dell’opera dell’artista Claudio Parmiggiani, Le mani che trattengono le ore, una colonna realizzata in marmo di Carrara, alta 15 metri circa, commissionata apposta per il parco che dialogherà permanentemente, in perfetta armonia, con la bellezza degli alberi secolari che la circondano.

Uno spazio di oltre 10 ettari, dove i percorsi morbidi e irregolari rompono le geometrie a cui siamo abituati e dove trovano ospitalità grandi esemplari di piante, oltre un migliaio, tra i più belli e scenografici esistenti, sapientemente abbinate per varietà, specie, colore e altezza.

Qui sono sistemate, per citare solo alcune specie, Aceri di natura diversa, da quelli giapponesi a quelli autoctoni come l’Acer campestre, Albizie, Betulle, quattro varietà di Ippocastani, grandi arbusti di Corbezzolo, Bagolari, Frassini, Platani, Pioppi, Querce, Salici, Tigli, un esemplare di Broussonetia papyrifera, Carpini e Catalpe, gli imponenti Cedri, i Cornus, il Liquidambar, re dei colori autunnali, e ancora Gelsi, Noci, Meli, grandi esemplari di Magnolie e grandi Allori.

Il Pistoia Nursery Park ha la caratteristica di modificarsi in continuazione, le piante “sostano” nel parco in attesa di trovare la loro collocazione definitiva in qualche giardino del mondo, dando un’opportunità all’architetto paesaggista di immaginare concretamente la futura posizione dei vari esemplari. Fino a quella data, però, saranno i protagonisti assoluti della scena in tutta la loro maestosa bellezza, in una rassegna di specie botaniche, dimensioni e portamenti unici nel loro genere.

Il parco è stato voluto e realizzato dalla famiglia Vannucci che ha realizzato negli anni progetti in oltre 50 paesi in tutto il mondo, fra i quali ricordiamo il Parco di Eurodisney a Parigi, il verde delle Olimpiadi di Torino, Atene e Londra, Il giardino di Backingham Palace a Londra, il giardino del Padiglione Italiano all’Expo 2010 di Shanghai e moltissimi altri prestigiosi progetti.

Vannucci Piante
Via della Dogaia – 51039 Quarrata (Località Piuvica), Pistoia
Tel:
+39.0573.79701 Fax:+39.0573.735975
www.vannuccipiante.it by redaction – From the end of June opened the semenax in south first Park nursery in Europe, Pistoia Nursery Park, halfway between a botanical garden and a collection of specimen plants, which combines art, creativity, design and light in a very futuristic design.

A place like this could not be born in Pistoia, the Italian territory has always been dedicated to this production, thanks to the family Vannucci, whose tradition dates back to 1938 in the nursery sector and that has always stood for the particular sensitivity to the importance and respect of the plants as a fundamental tool for the ecosystem and human life.

The inauguration was a veritable feast in which there is not even the inauguration of the artist Claudio Parmiggiani The hands that hold the hours, a column made of Carrara marble, about 15 meters high, commissioned specially who will talk to the park permanently, in perfect harmony with the beauty of the trees that surround it.

An area of over 10 hectares, where the paths break the soft and irregular geometries we are used to find a home and where large specimens of plants, over a thousand, among the most beautiful and scenic existing expertly matched to varieties, species, color and height.

Here are arranged, to mention only a few species, Maples of a different nature from those native to the Japanese as the Acer campestre, Albizie, Birches, four varieties of Ippocastani, large shrubs of Arbutus, Bagolari, Ash, Plane trees, poplars, oaks , willows, lindens, a specimen of Broussonetia papyrifera, Carpini and Catalpa, the imposing Cedars, the Dogwood, the Liquidambar, the king of autumn colors, and still Mulberries, Walnuts, Meli, large specimens of magnolias and large Allori.

The Pistoia Nursery Park has the feature to change the time, the plants “they stop” in the park waiting to find their permanent home in some garden of the world, giving an opportunity to landscape architect to imagine concretely the future position of the different sheets . Until that time, however, will be the protagonists of the scene in all their majestic beauty, in a review of botanical species, sizes, and behaviors unique.

The park was built by the family wanted and that Vannucci has achieved over the years projects in more than 50 countries around the world, among which we mention the Disneyland Park in Paris, the green of the Turin Olympics, Athens and London, The Garden of Backingham Palace in London, the garden of the Italian Pavilion at Expo 2010 in Shanghai and many other prestigious projects.

Vannucci Plants
Strada della Dogaia – 51039 Quarrata (Location Piuvica), Pistoia
Tel: +39.0573.79701 – Fax: +39.0573.735975
www.v