2 Dicembre 2022

Un’azienda maremmana e tre agronomi toscani in prima linea contro il mal d’esca

La qualità di un prodotto è sicuramente intrinseca alla materia prima che viene utilizzata per realizzarlo ma è altresì il risultato di cure e attenzioni continue. E i fratelli Aleardo e Giuseppe Mantellassi maremmani doc non solo lo sanno bene ma lo hanno anche dimostrato, continuando con passione il lavoro del padre, fondatore dell’azienda che oggi conta più di sessant’anni di attività.

Pur consapevoli dell’importanza di mantenere viva la tradizione che ha portato al successo l’Azienda di Magliano in Toscana sono però altrettanto impegnati nello stare al passo con l’innovazione, soprattutto quando questa riguarda il benessere dell’ambiente introducendo metodiche di produzione estremamente innovative e rispettose in ambito ambientale.

Il “mal dell’esca” è, da tempo, un grande nemico delle vigne tanto da considerarlo ormai alla stregua di una vera e propria pandemia. Una patologia che fa soffrire la vite al punto di farla ammalare,  disseccare e infine portarla alla morte con perdite economiche importati ma soprattutto con la perdita dei vitigni più datati, quelli più importanti ai fini qualitativi. Fino ad ora non è stato trovato alcun rimedio risolutivo per debellare questa malattia. Ma, appunto, fino ad ora.

Infatti, nel 2018, è cominciata una sperimentazione agronomica partita dai tre agronomi toscani: Alberto Passeri, Mario Guerrieri e Roberto Ercolani. Il loro obiettivo è quello di arrivare a salvaguardare un patrimonio prezioso come le vecchie vigne da cui nascono i vini più prestigiosi e che sembrano essere le più vulnerabili.

Un primo percorso della sperimentazione nelle aree di produzione di Montalcino ha dato risultati molto incoraggianti tanto da presentare il brevetto e coinvolgere vari produttori.
Fattoria Mantellassi è tra le aziende toscane che aderiscono al progetto con i loro vitigni tra cui spiccano, il Morellino, il Sangiovese, Il Sauvignon, il Ciliegiolo, il Vermentino bianco e, soprattutto, l’Alicante da cui nasce una delle sue etichette più prestigiose: Querciolaia.
Un vino che ha conquistato, nel 2018 il podio dorato della sesta edizione del Palmares Grenache du Monde, ma non solo. Sempre nel 2018, si è aggiudicato un punteggio di 93/100 da James Suckling, una delle più autorevoli voci della critica enoica internazionale.

Ma il medagliere di Querciolaia  non si ferma qui e tanti sono i premi che questo straordinario Alicante in purezza ha conquistato. Una vigna antica che, pur producendo piccole quantità di uva riesce ad esprimere qualità ineguagliabili da vigneti più giovani.

Dalla pericolosità del mal dell’esca si evince dunque quanto sia fondamentale cercare di combatterlo, proprio per preservare la qualità del vini più prestigiosi. Fino ad ora venivano solo usati prodotti di contatto ad azione preventiva che non risolvevano il problema. Con questo progetto invece si entra nel sistema biologico della vite riattivando i meccanismi di autodifesa della pianta  destinata alla morte, riportandola per l’ 80-85% dei casi alla vita produttiva  della pianta sana. Secondo i tre agronomi toscani, a cui si deve questa opportunità “non si deve pensare solo a curare ma, soprattutto, bisogna prevenire”. La prevenzione si applica con un protocollo messo a  punto dalla start up innovativa che, con un’azione a livello suolo e due trattamenti in momenti predefiniti hanno portato alla regressione della malattia nella sua espansione dal 5% a 1.2%.

Dal 2018, anno di inizio della sperimentazione, i risultati sono molto incoraggianti e questo è da ritenersi già un successo.
Fattoria Mantellassi, con la sua passione, il suo percorso, la sua anima green, guarda con grande ottimismo a questi risultati ed è pronta ad affiancare i tre agronomi toscani in quella che non è solamente un’avventura ma un programma di benessere e di salute nel totale rispetto dell’ambiente, anche in virtù dell’ottimizzazione delle risorse idriche dato che, il protocollo induce nella vite meccanismi di ottimizzazione endogena dell’acqua.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *